Videoproiettori per guardare non solo video

Seduti a guardare i video dell’ultimo viaggio, a commentare le foto ricordo di una splendida giornata, a cantare guardando il video del concerto cui avete assistito, il tutto grazie ad un impianto di videoproiezione che trasforma casa vostra in un cinema domestico.
Ma non solo: volete ad esempio seguire un corso di formazione che vi propone una serie di audio-video per aggiornarvi sul lavoro? Occorre un videoproiettore come spiega questo sito https://migliorevideoproiettore.it/

La decisione è presa ma serve capire che non esiste e non può esistere un modello perfetto in assoluto. La domanda giusta da porsi, quindi, è quale modello soddisfa le mie esigenze?

A questo punto dovete pensare se volete servirvi di una semplice parete bianca o chiara per la proiezione o se invece volete acquistare anche uno schermo di proiezione

Per un budget modesto – anche l’aspetto economico va considerato in rapporto alle funzioni e accessori del videoproiettore – è sufficiente una parete chiara mentre per un budget maggiore si può accedere a prodotti di fascia alta con prestazioni sicuramente più soddisfacenti.

Avere un luogo dove posizionarlo è altrettanto importante perché la resa migliore è in un luogo poco illuminato, lontano da grandi passaggi e arredato con mobili meglio se scuri.

 

Stando ai consigli per usare al meglio un Home Theater, va ricordato di evitare qualsiasi fonte di luce come finestre, lampade e riflessi che danneggiano la resa del video. Inoltre nella ricerca della location ottimale, va considerata la soluzione di installare il videoproiettore a soffitto lontano dal rischio di colpi e incidenti.

Inoltre va posizionato perpendicolarmente rispetto al centro dello schermo o della parete di proiezione. Non dobbiamo dimenticare il fattore “distanza” fra il videoproiettore e lo schermo o parete. Con uno schermo di 60 pollici e una larghezza di oltre 132 centimetri ha necessità di una distanza fra 1,80 e 2,65 metri.

Infine vanno valutati formato e risoluzione che se non precisi possono creare distorsioni o aberrazioni delle immagini e per finire non va dimenticata la “risoluzione nativa” del videoproiettore ovvero il numero di pixel che l’apparecchio è in grado di riconoscere.